F. Sandro FLORIANI Site Design & Development 
 
Scrivimi/Write Me 

La Medaglia d'Argento al Valor Militare

Dopo le dimissioni dall'Ospedale Militare del Celio, mio padre riprende servizio il 3-7-1943 presso il Gruppo "C" dei Servizi Aerei Speciali all'aeroporto di Centocelle Sud (Roma), ove il Col. Ugo Campanelli, Comandante del 48° Stormo S.A.S. decide di proporlo per una ricompensa al valore con la motivazione riportata in fondo alla Relazione sui Fatti d'Arme qui a fianco.

L'8 settembre fa però sì che tale proposta si perda nel caos intervenuto nell'amministrazione delle Regie Forze Armate.

Dopo una vana attesa di notizie ufficiali in merito, mio padre decide di risollevare la questione della sua decorazione, rintracciando commilitoni per ottenerne testimonianze nel 1946 e scrivendo poi il 24-5-1953 una lettera al Col. Campanelli in cui espone la situazione e chiede di poter riaprire ufficialmente il caso col suo aiuto, ottenendo il 10-6 una risposta positiva:

    

La documentazione presentata con l'avallo ottenuto non é però giudicata sufficiente dalle autorità militari. Accertato che la proposta originale non risultava pervenuta e che quindi andava ripresentata entro la fine dell'anno per poter ancora essere valutata, mio padre si procura i moduli necessari e li invia al Col. Campanelli il 7-7-1953, pregandolo di trasmetterli al Ministero competente, e il 15-9-1953 ne riceve risposta affermativa:

Le dichiarazioni testimoniali rilasciate da:
  • Tenente Pilota Romeo Foresti (Milano, 19-6-1946)
  • Maresciallo di Ia Classe Pilota Ennio Mambrini (Roma, 5-11-1046)
  • Sergente Maggiore Pilota Marcello Caffoni (Domodossola, 5-11-1946)
    
Non ho trovato notizie ufficiali di come la pratica si concluse, ma fu presumibilmente in modo negativo dato che non figura tra i Decorati al Valor Militare negli elenchi dell'Istitut del Nastro Azzurro.

Ciò comunque non impedì a mio padre di fregiarsi di una copia non ufficiale della Medaglia d'Argento in alcune occasioni formali ritenendo di averla comunque meritata, e di portare all'occhiello della giacca il nastrino blu con stellina d'argento che la simboleggia.

↑↑↑ Inizio Pagina ↑↑↑