F. Sandro FLORIANI Site Design & Development 
 
Scrivimi/Write Me 

Traduttore Tecnico/Interprete

Rientrato dalle vacanze, mi si poneva il problema di trovare un altro lavoro. La situazione economica italiana a metà anni 60 non ne faceva un problema serio, risposi a un paio di inserzioni però non nutrivo più molto entusiasmo per la chimica. Fu così che, recandomi nel reparto libri esteri delle Messaggerie Musicali, mi venne in mente di esporre la mia situazione alla direttrice del reparto, con la quale avevo acquisito una qualche familiarità come suo assiduo cliente, e di chiederle se potesse suggerirmi qualche lavoro di traduzione, tanto per ingannar l'attesa.

- "Che genere di traduzioni aveva in mente?"
- "Mah, pensavo a romanzi gialli o di fantascienza."
- "Guardi é difficile, molti concorrenti e le case editrici pagano poco e male."
- "Ah peccato, grazie lo stesso."

Stavo avviandomi verso l'uscita, quando la sentì dire:

- "Senta, e invece la potrebbero interessare delle traduzioni tecniche?"
- "Certo, ho già qualche esperienza, fatta nel mio lavoro precedente."


All'ISS, dai 21 ai 25 anni

Fu così che ottenni il recapito dell'International Secretarial Service (ISS), un centro traduttori/interpreti del Dott. Manolo Cattaneo (ex aiuto-regista nel 1943 di Luchino Visconti) inizialmente sito in via Manzoni 12 e poi trasferito nel palazzetto di sua proprietà in via S. Spirito 5, nel non ancora quadrilatero della moda.

Vi restai per quasi 5 anni, diventando il braccio destro del titolare, date le sue lacune in campo tecnico - era laureato in Giurisprudenza.

La mia remunerazione (in nero) a cartella (24 righe da 80 caratteri) era:

- all'inizio (1964) = £ 1.000 su 1.500 fatturate
- successivamente (1968) = £ 1.000 su 2.000 fatturate

Così s'impara bene sia l'inglese, che a dattiloscrivere con 8 dita!

In realtà, la traduzione tecnica é la più semplice - e meglio remunerata - che ci sia, a patto che sia abbia una cultura tecnica: vi é una corrispondenza quasi biunivoca tra i termini nelle due lingue. Mi era possibile affrontare gli argomenti più disparati, magari dopo averne letto sull'Encyclopedia Britannica dell'ufficio qualche voce relativa.


Un momento di relax

Dopo circa un anno di collaborazione, il titolare ormai sessantenne mi accennò che stava valutando di ritirarsi, e che aveva pensato magari di cedermi gratuitamente l'attività dividendone gli utili. La cosa tardava però a maturare, e siccome avevo in programma di metter su famiglia in un futuro non lontano, nel 1967 gli chiesi quando la cosa potesse andare in porto, ricevendo però risposte vaghe; ripresi allora a consultare le offerte di lavoro sui giornali.